Centro Yoga Le Vie

Guidare, condurre, insegnare

Teacher training e formazione permanentescala-elicoidale-santo-stefano
Programma dell’anno 2016/2017

Laboratori esperienziali dedicati a insegnanti, conduttori di gruppi, formatori, insegnanti di yoga, già professionisti o in percorso formativo.

Quest’anno, per la prima volta dalla nascita, due anni fa, del progetto “teacher training e formazione permanente”, siamo felici di annunciare un vero e proprio percorso, più approfondito e articolato, composto di 5 incontri. Il tema rimane la riflessione sull’insegnamento, sul ruolo, sulla conduzione e guida di gruppi o di gruppi di pratica. Gli argomenti saranno diversi, alcuni più generali, altri più specifici nell’ambito degli insegnanti di Yoga e meditazione. Chi insegna e guida un gruppo (non solo di yoga) ha la responsabilità di curare la relazione con i partecipanti, con attenzione a ciò che accade con le persone in un percorso che è anche di apprendimento. Ciascuno trova le proprie modalità nel relazionarsi e trasmettere ciò che conosce e che ritiene importante. Modalità che si trasformano nel corso del tempo e che rendono ogni insegnante unico.
Grazie ai metodi tipici del laboratorio esperienziale, i partecipanti potranno riflettere sull’insieme di questi aspetti nella loro storia, aspetti spesso ignorati e sottovalutati nella formazione.
Ciascun incontro potrà essere frequentato singolarmente, nel quadro di una proposta però fatta di parti coerenti e interconnesse. Ogni giornata avrà circa una durata di 6 ore, di domenica, ma il singolo laboratorio potrà avere variazioni di orario, legate alle esigenze del conduttore e al numero dei partecipanti. Il laboratorio dedicato alla meditazione sarà invece sabato mattina e domenica intera, con due conduttori.
L’intero progetto è coordinato da Francesca Marziani e da Simonetta Simoni, psicosociologa, praticante di Yoga da trent’anni, socia fondatrice del Centro Yoga Le Vie, ha insegnato sociologia, tecniche di ricerca e organizzazione presso gli Atenei di Urbino e Ca’ Foscari, a Venezia. Attualmente lavora come formatrice sugli aspetti della comunicazione e del lavoro di gruppo.

Francesca Marziani, insegnante da più di trent’anni, è stata formatrice presso la Scuola di Yoga Il Melograno, e presso Isyco, Istituto per lo studio dello Yoga e della cultura orientale. Ha fondato nel 2004 Le Vie, uno dei primi centri Yoga in cui convivono stili e metodi diversi di Yoga e meditazione.

I singoli seminari possono essere seguiti singolarmente, per chi fosse interessato a seguire tutto il percorso verrà fatto uno sconto sull’ultimo appuntamento. Tutti gli incontri devono essere prenotati.Per maggiori informazioni rivolgersi in segreteria.

Ascolta la tua voce

La nostra voce è uno strumento di comunicazione autentica con cui veicoliamo messaggi ed emozioni di cui spesso non siamo pienamente consapevoli: quando guidiamo la pratica, le parole che pronunciamo arrivano a chi ci ascolta con un tono, un volume, un colore, un’intensità e un’intenzione particolare. Ascoltare una voce ci offre la possibilità di intendere ciò che non ci viene detto da chi parla. Ascoltare la nostra voce è ascoltare noi stessi. Essendo respiro, mette in continuo contatto il nostro dentro con il fuori da noi ed è caratterizzata dal nostro modo di regolare il fiato e di respirare; è quindi corpo e come tale non mente. La voce non inganna, svela le intenzioni, le emozioni e trasmette vibrazioni.
Il percorso che andremo ad esplorare partirà dalla ricerca delle zone di risonanza/vibrazione del nostro corpo e proveremo a porre attenzione agli spazi emotivi di queste aree. Sperimenteremo il valore dell’intenzionalità nell’espressione di un contenuto verbale e la necessità di essere presenti con la voce nella comunicazione di tali contenuti nella conduzione di gruppi e della pratica di yoga.

Conduce Fabio Michelini, conduttore esperto di Laboratori sulla Voce con Domitilla Melloni (scuola Philo – Pratiche filosofiche di Milano) dal 2013 guida il laboratorio Voce: comunicazione relazione e insegna Discipline dello spettacolo per l’Ateneo di Bologna nel Corso di Laurea Educatore Professionale Sanitario della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Attore, laureato in Biologia, Educatore Professionale, si occupa di formazione. Da più di vent’anni costruisce percorsi di avvicinamento e approfondimento della lettura ad alta voce, conduce gruppi e seminari che hanno per fulcro l’uso della voce e la lettura per l’espressione delle emozioni. Fa parte del gruppo In-vocazione composto da persone provenienti da tre differenti stati europei, che si occupa di studio, ricerca e improvvisazione nel canto a Siviglia.

A CHI E’ RIVOLTO: Tutti coloro che insegnano o guidano gruppi, di qualsiasi tipo

Data: 6 novembre 2016
orario: mattina 10 – 13 pomeriggio 14 – 17. E’ consigliabile portarsi qualcosa da mangiare di leggero per la pausa pranzo.
Costo: € 60

Le parole per dirlo

La trasmissione dell’insegnamento dello yoga avviene a molti livelli (corporeo, energetico, di presenza), dove le parole sembrano essere un “di più” qualcosa che viene dopo, complementare ad altri aspetti.
Tuttavia portare attenzione al linguaggio e al lessico, significa riscoprire quanto la scelta delle parole sia essenziale per una comunicazione sincera ed efficace, e che, soprattutto, colga nell’essenzialità la direzione in cui il conduttore intende portare il gruppo o l’allievo. Ogni comunicazione deve arrivare, essere intesa ed essere compresa da chi la riceve e, ovviamente, molti sono gli spazi di interpretazione del messaggio.
Essendo dedicato alla ricerca di un proprio personale vocabolario, questo incontro si dedica alla conduzione dello yoga come materia specifica.
E,’ perciò, indirizzato in modo specifico a chi insegna Yoga, di qualsiasi metodo o stile, occupandosi del lessico e del vocabolario di questo ambito disciplinare.
Ci si occuperà dei principi basilari della comunicazione, ma soprattutto si darà a ciascun partecipante uno spazio esperienziale, alla ricerca di un modo personale, sincero, ma anche efficace e ricco di strumenti espressivi .

Conduce Francesca Marziani Co-conduttore Simonetta Simoni

A CHI E’ RIVOLTO. Insegnanti di yoga, di qualsiasi metodo e stile, e a chi è in un percorso di formazione

Data: 15 gennaio 2017
orario: mattina 10 – 13 pomeriggio 14 – 17. E’ consigliabile portarsi qualcosa da mangiare di leggero per la pausa pranzo.
Costo: € 60




Gli altri siamo noi

Ogni insegnante nasce come allievo, e si configura secondo un modello di insegnamento e conduzione, che poi trasformerà nel corso del tempo. Inoltre, il ruolo comporta una serie di proiezioni, personali, dell’allievo, collettive, sull’essere insegnanti e “maestri”.
Obiettivo di questo laboratorio è provare a “capovolgere” il nostro sguardo abituale sul mondo delle relazioni con le persone, in questo caso con gli allievi e i gruppi. Ciò che siamo (le nostre paure, convinzioni, idee, talenti, aneliti…) e che non sappiamo, o non vogliamo essere, si manifesta inevitabilmente nei nostri gesti e l’unico modo per accorgersene è guardare nello specchio che “gli altri” rappresentano. Da questo punto di osservazione cercheremo di mettere in luce aspetti non ancora emersi relativi al proprio percorso e per questo motivo la giornata di laboratorio necessita di una riflessione introduttiva, durante il quale verranno fornite le linee guida e gli spunti di riflessione su questioni specifiche che riguardano la percezione del proprio ruolo di insegnanti e la relazione con gli allievi. Queste linee guida verranno fornite tramite mail e le riflessioni elaborate al riguardo serviranno come base di appoggio al laboratorio vero e proprio.

Conduce Angela Cattaneo, laureata in filosofia e in psicologia e specializzata in psicoterapia dei disturbi psicosomatici, ha svolto per circa 20 anni attività di psicoterapia individuale e di gruppo. Inoltre ha ideato e condotto numerosi corsi a tema per il pubblico e insegnato in alcune scuole di psicoterapia e naturopatia. Da alcuni anni si è ritirata da questa professione, vive tra l’Italia e la Grecia, dove si dedica alla cura degli ospiti del suo b&b, del giardino, dell’orto e dei gatti… nonché alla sua “perenne” ricerca interiore.

A CHI E’RIVOLTO: Tutti coloro che insegnano o guidano gruppi.

Data: 29 gennaio 2017
orario: mattina 10 – 13 pomeriggio 14 – 17. E’ consigliabile portarsi qualcosa da mangiare di leggero per la pausa pranzo.
Costo: € 60




Il corpo non mente

Verbale (parole), paraverbale (voce) e non verbale (corpo) sono i tre sistemi che utilizziamo per esprimerci.
La comunicazione non verbale é un potente e primario mezzo di comunicazione.
Quello che diciamo ha bisogno di essere supportato da quello che sentiamo con il corpo per esprimere l’autenticità della nostra comunicazione.
La coerenza tra i tre sistemi ci porta ad avere un impatto efficace con i nostri allievi o gruppi di pratica.
In questo laboratorio esperienziale verranno esplorati, attraverso il sistema di movimento di Rio Abierto, ciò che il nostro corpo comunica veramente durante le lezioni e nelle spiegazioni della pratica dello Yoga ma anche di altre discipline corporee, per riconoscere e trovare quella spontaneità utile a rendere la nostra comunicazione uno strumento efficace.

Conduce Alessandro Scarazzati , istruttore del Sistema di Rio Abierto e anche esperto di comunicazione non verbale. Dopo i suoi studi di gestione e comunicazione aziendale a Milano, si è specializzato in ciò che il corpo comunica durante l’interazione con i Clienti utilizzando in sistema di Rio Abierto. Ha lavorato come Master Trainer e Coach presso grandi aziende internazionali (Novartis, Metro Cash&Carry, Unipol, Nokia, Microsoft) formando il personale dei punti vendita che avevano un impatto con il pubblico.

A CHI E’RIVOLTO: A tutti coloro che insegnano yoga o guidano gruppi, di qualsiasi tipo di attività corporea.

Data: 19 Febbraio 2017
orario: mattina 10 – 13 pomeriggio 14 – 17. E’ consigliabile portarsi qualcosa da mangiare di leggero per la pausa pranzo.
Costo: € 60

La quota può essere anche pagata attraverso PayPal:




Insegnare la meditazione, ruoli, tecniche, responsabilità

Il laboratorio si occuperà di indagare il “chi” insegna, quindi ruoli, proiezioni, sia il “cosa “, quindi il vasto mondo delle tecniche, sia il “come”, esplorando la relazione con allievo o gruppo, l’evoluzione delle aspettative sulla meditazione nella nostra società, le trasformazioni ultime, come la Mindfulness. Questo laboratorio si propone quindi non tanto di insegnare a meditare, quanto di fornire strumenti di attenzione e comunicazione a coloro che già coltivano l’idea di offrire, oltre all’insegnamento dello yoga o di altre discipline, tecniche di ascolto, concentrazione e silenzio.
Ampio spazio sarà dato alle domande, alle problematiche che possono insorgere dalle aspettative erronee degli allievi o degli stessi insegnanti, e agli equivoci che possono nascere dall’errata sovrapposizione di competenze e ambiti di supporto diversi, come l’aiuto psicologico e l’insegnamento della meditazione. Comprendere chi è davanti a noi e cosa ci chiede, al fine di poter offrire le risposte migliori sulla base delle proprie competenze ed eventualmente saper indicare percorsi altri quando la domanda va oltre quello che si può offrire. Comprendere le aspettative che spesso le persone si portano dietro quando si parla di yoga e meditazione, quali i luoghi comuni da infrangere e da utilizzare.

Conducono Francesca Sireci e Mauro Bergonzi.

Mauro Bergonzi è docente di “Religioni e Filosofie dell’India” presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, socio ordinario della International Association for Analytical Psychology (I.A.A.P.) e psicologo analista didatta del Centro Italiano di Psicologia Analitica (C.I.P.A.). Ha pubblicato articoli e saggi sui processi meditativi nel buddhismo antico, sulla psicologia del misticismo, sul simbolismo religioso, sul comparatismo filosofico, sugli aspetti transpersonali nella psicologia analitica di C.G.Jung, sul pensiero filosofico non-dualista, sull’incontro tra Oriente religioso e Occidente contemporaneo e sul dialogo interculturale fra psicologie sapienziali orientali e psicologia occidentale. Da diversi anni conduce gruppi di ‘condivisione dell’essere’ a Roma, Bologna e Rimini secondo una prospettiva non dualista e non confessionale.

Francesca Sireci, Dopo la laurea in Psicologia Clinica e la specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Interazionista, si è formata sul modello olistico, mediante la collaborazione con il Prof Pagliaro ed il Corso di perfezionamento in Psicologia Ospedialiera Mente-Corpo di Bologna, ha frequentato il corso di Alta Formazione in PsicoNeuroEndocrinoImmunologia presso l’Università AlmaMater di Bologna. Da anni pratico Hatha yoga e meditazione Vipassana. Psicologa e Psicoterapeuta sia in ambito clinico che formativo, si occupa del sostegno psicologico ai pazienti affetti da Sclerosi Multipla, utilizzando oltre alle pratiche cliniche classiche anche le pratiche derivanti dal modello mente corpo (Meditazione). Si occupa di formazione sul tema della Meditazione e delle pratiche Mente-Corpo in collaborazione con varie Associazioni ed Enti di formazione .

A CHI E’ RIVOLTO: Insegnanti di yoga. Insegnanti di meditazione, di qualsiasi ambito e tradizione.

Date: 25 e 26 marzo 2017
Orari:
sabato mattina ore 10 – 14
domenica mattina 10 – 13 pomeriggio 14 – 17

E’ consigliabile portarsi qualcosa da mangiare di leggero per la pausa pranzo.
Costo: € 100




Richiedi informazioni

 

Post navigation

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi